Articoli

M. Natalucci

Il prof. Mario Natalucci è nato a Castelferretti (An) il 3 giugno 1903 ed è vissuto sin da giovanissimo ad Ancona, dove ha compiuto gli studi ginnasiali e liceali.
Laureatosi in Lettere nel 1932 all’ Università La Sapienza di Roma, ritornato ad Ancona, dal 1935 ha insegnato presso il Liceo Scientifico, divenendo titolare della cattedra di Italiano Latino e Storia.
Nominato Preside di ruolo, ha retto nel 1954 il Liceo Ginnasio di Senigallia, dal 1956 al 1959 l’ Istituto Magistrale “Caterina Franceschi Ferrucci” di Ancona e il Liceo Ginnasio “Carlo Rinaldini” di Ancona . Infine, nel 1967, è ritornato come Preside nel Liceo Scientifico “Luigi di Savoia” di Ancona, del quale, come professore di ruolo e preside reggente, aveva curato la riorganizzazione nel 1944 dopo i guasti bellici.
E’ importante ricordare inoltre il suo proficuo lavoro nell’ organizzare la celebrazione del I Centenario della fondazione del Liceo Ginnasio “Carlo Rinaldini”, con la pubblicazione di un volume sull’ interessante storia dell’ Istituto.
Il prof. Natalucci, oltre ad aver coltivato con passione ed impegno le materie del suo insegnamento, si è dedicato allo studio dei problemi storici marchigiani, con particolare riferimento alla città di Ancona, suo luogo di residenza.
In tale ambito ha compiuto pazienti e fruttuose ricerche negli archivi locali ed in quelli di altre città italiane, producendo una numerosa serie di monografie ed articoli, a carattere scientifico e divulgativo.
Ha collaborato con numerose riviste storiche regionali e nazionali e partecipato attivamente alla vita di istituzioni culturali con conferenze ed altre iniziative.
Nel 1940 è stato nominato Socio Corrispondente della Deputazione di Storia Patria per le Marche e nel 1953 ne è divenuto Socio Ordinario.
Dal 1958 ha fatto parte del Consiglio Direttivo e dal 1962 è stato eletto ininterrottamente per dieci anni Vicepresidente.
In questa veste ha organizzato nel 1965 un Convegno di Studio in occasione del V Centenario della morte di Pio II, avvenuta in Ancona, e nell’ aprile 1969, un Convegno su “Ancona Repubblica marinara, Federico Barbarossa e le Marche”. Di questi due eventi ha curato egli stesso la pubblicazione degli Atti.
Nell’ ottobre del 1972 è stato eletto Presidente della stessa Deputazione con nominato mediante Decreto del Presidente della Repubblica del 1° febbraio 1973.
Assunta la nuova carica, ha dovuto risolvere il problema del trasferimento della Sede della Deputazione , anche se temporaneamente, presso l’ Archivio di Stato, essendo la vecchia sede, presso il Palazzo degli Anziani, gravemente danneggiata a causa dell’ evento sismico che aveva colpito nel 1972 Ancona ed altre località marchigiane.
Ha provveduto inoltre al recupero ed al riordinamento della Biblioteca ed alla ripresa delle attività culturali del sodalizio, già da tempo interrotte per ragioni diverse.
Grazie al nuovo impulso dato dal prof. Natalucci, è stato possibile organizzare: 1) giornate di studio per il nono Centenario dalla morte di S. Pier Damiani , avvenuta 21 o 22 febbraio 1072, e per l’ ottavo relativo all’ Assedio di Ancona del 1173 (maggio 1973); 2) un Convegno per il II Centenario della morte di Luigi Vanvitelli (aprile 1974); 3) un Convegno interregionale sui “Rapporti degli artisti marchigiani ed umbri nel Trecento e Quattrocento” (giugno 1974); 4) un Convegno sulla “Società rurale marchigiana” (dicembre 1974).
Tutte queste iniziative ebbero un esito favorevole per l’ intervento di esperti di chiara fama, per l’ appoggio avuto dalle locali autorità comunali e per il concorso di Soci e studiosi.
Dal 1940 il prof. Natalucci è divenuto Socio dell’ Istituto Marchigiano di Scienze Lettere ed Arti, e contemporaneamente anche socio dell’ Accademia dei Catenati di Macerata, della Georgica di Treia, dell’ Associazione degli Studi Maceratesi e della Famiglia Marchigiana.
E’ stato Ispettore Onorario per le Antichità e Monumenti, e Membro delle Commissioni comunali per la toponomastica, per la Biblioteca e per le attività di carattere culturale.
Nel 1973 diede la sua collaborazione alla realizzazione della mostra cittadina “Ancona ieri e domani”.
In seguito venne nominato Ispettore per le Biblioteche Comunali dalla Giunta Regionale.
Per la sua attiva collaborazione, specialmente per le pubblicazioni divulgative su Ancona e le località periferiche, nel 1976 è stato insignito di medaglia d’ oro da parte dell’ Ente Provinciale per il Turismo e dell’ Azienda di Soggiorno della Riviera del Conero e, successivamente, dallo stesso Ministero del Turismo e dello Spettacolo.
Il 4 maggio 1970 il prof. Natalucci ha ricevuto, da parte della Civica Amministrazione la medaglia d’ oro, come cittadino benemerito per le sue opere storiche sulla città di Ancona.
Nel 1972 gli è stata anche conferita una medaglia d’ oro dal Ministero della Marina per le sue pubblicazioni su Ancona marinara.
Nella Sua lunga carriera scolastica il prof. Natalucci ha goduto sempre la stima e la fiducia dei suoi alunni e delle loro famiglie per le doti di “burbero” maestro, colto ed intelligente, pieno di calore umano e per la grande dedizione alla scuola.
Sempre per le sue benemerenze nel campo degli studi storici e nel campo della scuola, nel 1968 ha avuto il riconoscimento di Cavaliere Ufficiale al merito della Repubblica.
Il prof. Mario Natalucci si è spento il 27 dicembre 1980 ad Ancona all’ età di 77 anni.